di Melania Cabras e Maria Grazia Rubanu

gender variant

Julian è una sirena. Un libro sulla libertà di esprimere la propria autenticità

Julián è una sirena è la storia di un bambino e di sua nonna, una donna che sa ascoltare e accogliere.
È la storia di un desiderio e della sua realizzazione, parla della libertà di esprimersi oltre la rigidità degli schemi stereotipati.

Un giorno, mentre è assieme  alla nonna, Julian vede tre donne bellissime dalle quali rimane affascinato. Sono splendidi esseri vestiti in modo spettacolare, i loro capelli ondeggiano seguendo il movimento dei fianchi e i loro abiti colorati diventano lunghe code da sirena.
Esprimono allegria in ogni gesto e il piccolo Julian comincia a sognare ad occhi aperti di essere anche lui una sirena.
Non sa cosa ne penserà la nonna ma decide comunque di parlarne con lei e troverà una piacevole sorpresa.

Continua a leggere

Io sono chi sono! La storia di Buffalo Bella

“L’Italiano che è maschile
è una lingua femminile

concordanze sorprendenti:
amore è maschile
ma: amante, chi ama,
è maschile e femminile

così sognante, sfidante, vivente,
pensante
maschile e femminile
femminile e maschile

AnnaBill o Buffalo Bella?
È un lui o una lei?

Continua a leggere

Più Jules e meno ipocrisia!

L’altra sera, mentre andava in onda Sanremo io guardavo una puntata speciale della prima stagione della serie Euphoria, un’approfondimento sulla vita di Jules, una ragazza transgender, che è una deə protagonistə della serie. In questo spazio Jules si racconta alla sua psicologa, le parla del suo rapporto con la femminilità, della relazione col suo corpo, condizionata anche dalla rappresentazione sociale di un femminile sottile e quasi etereo. Le parla del suo rapporto con i bloccanti della pubertà e con gli ormoni per la terapia femminilizzante. Mentre io entravo con delicatezza nel mondo di una ragazza trans*, sul palco di Sanremo si ripetevano stereotipi triti e ritriti sull’identità di genere e sulle persone transgender.

Continua a leggere